Standard di identificazione a radiofrequenza del protocollo ISO / IEC 15693

ISO / IEC 15693 rappresenta una serie di file standard internazionali. Descrivono gli attributi di una smart card senza contatto. Queste carte sono solitamente presenti nei nostri portafogli o nella nostra borsa. Quando vengono presentati vicino a un dispositivo terminale, sono leggibili e riconosciuti. Puoi ottenere alcuni servizi o beni, ecc. In risposta. Queste carte sono anche attaccate a borse o altri oggetti di valore. Li rende tracciabili con il dispositivo di lettura nelle vicinanze.

Idea

La tecnologia contactless include molto spesso una serie di tecnologie sviluppate per aiutare a identificare gli oggetti. Il progresso in questa tecnologia ha portato ad alcune nuove applicazioni.

Questi includono il controllo degli accessi, lo scambio di dati, i pagamenti dei punti vendita senza contatto, l'incasso dei pedaggi e la gestione dell'inventario. Oggi, la tecnologia contactless è presente in diverse forme, come ad esempio smart card, smartphone mobili e tag.

Descrizione

Queste carte sono convenienti, durevoli e sicure. Sono molto adatti per pagamenti, controllo degli accessi, identificazione e altre applicazioni. Le tessere di prossimità funzionanti secondo il protocollo ISO / IEC 15693 sono leggibili da una distanza maggiore rispetto alle tessere di prossimità.

Di solito non sono alimentati da soli poiché il lettore fornisce l'alimentazione alla scheda via etere. Questo sistema standard funziona a una frequenza di 13.56 MHz e ha una distanza di lettura di 1–1.5 metri.

RFID (Radio Frequency Identification) era ed è ancora la forma comunemente utilizzata di tecnologia contactless. È la forma avanzata della tecnologia dei codici a barre che si trova su molti prodotti nel mercato di oggi.

Come il sistema di codici a barre, l'oggetto per l'identificazione ha un tag RIFD. Quindi il dispositivo di lettura legge il contenuto del tag. La distanza di lettura può essere fino a 100 m a seconda del tipo di tag utilizzato. Il lettore di solito può solo leggere il tag e non modificarne il contenuto elettronico. Ciò significa che la comunicazione con RFID è unidirezionale.

Un tag RFID comprende un ricetrasmettitore a radiofrequenza e circuiti elettronici per memorizzare il contenuto del tag e un'antenna. Le informazioni memorizzate su un tag sono preassegnate dal produttore (come un numero di identificazione).

L'utente può anche programmarlo per fornire informazioni personalizzate. Un tale lettore trasmette un segnale radio codificato quando un tag è a distanza di lettura. Il tag risponde quindi inviando il suo contenuto al lettore.

I tag RFID sono disponibili in due categorie, ovvero passivi e attivi. Dipende da come ottengono il potere. I tag RFID attivi vengono alimentati da una fonte di alimentazione interna (batteria). I tag RFID passivi funzionano sull'energia elettromagnetica emessa dal dispositivo di lettura.

Per questo motivo, i tag passivi hanno una distanza di lettura molto inferiore rispetto ai tag attivi. Oltre a questi due tipi, è disponibile anche un tipo ibrido di tag.

È il tag BAP (Battery Assisted Passive). Avere una piccola batteria interna non alimenta sempre il tag. Si accende solo rilevando il campo elettromagnetico irradiato da un dispositivo di lettura.

In questo modo, risparmia la carica della batteria quando un lettore non è presente nelle vicinanze. Un tag BAP ha una batteria interna per trasmettere i suoi dati su una distanza maggiore rispetto al tag passivo standard.

Parti

ISO / IEC 15693-1:

Questa parte descrive gli attributi fisici della vicinanza delle carte RFID.

ISO / IEC 15693-2:

Questa parte definisce l'interfaccia di alimentazione e comunicazione tra il lettore e la smart card. Si occupa dell'interfaccia aerea e dell'inizializzazione.

ISO / IEC 15693-3

Questa parte specifica il protocollo anticollisione e di trasmissione. Caratterizza i comandi ed i parametri coinvolti per inizializzare la comunicazione tra la card RFID e il lettore.

Applicazioni:

  • Biblioteca pubblica: i libri hanno un ID univoco memorizzato al loro interno quando vengono assemblati nel sistema bibliotecario. La scansione dei libri avviene mettendoli nel raggio d'azione di un lettore.
  • Skipass: un ID univoco nel sistema consente al lettore di dire per quanto tempo è valido il token.
  • Gestione alberghiera: le smart card RFID possono fornire un sistema di gestione veloce e comodo per gli hotel. Può essere utile, soprattutto per i servizi VIP. Ogni carta del cliente ha le sue informazioni rilevanti e le sue esigenze personalizzate. Queste informazioni possono aiutare i camerieri a servirli meglio e di più. Queste carte possono aprirti le porte. Può anche rendere i pagamenti e altre funzioni più convenienti da utilizzare.
  • Trasporti pubblici: le tessere per autobus o metropolitana aumentano la velocità dei passeggeri che salgono e scendono dal veicolo. Ciò consente di risparmiare tempo a tutti e aumenta anche le prestazioni di sicurezza.
  • Gestione degli animali domestici: queste carte sono facili da portare al collo del tuo animale domestico in modo da poterle rintracciare. Può anche trasportare informazioni sull'animale domestico.

Differenza tra ISO / IEC 15693 e ISO / IEC 14443:

Progettati per il controllo degli accessi, i tag standard ISO / IEC 15693 hanno un raggio di lettura fino a 3 piedi. Sono utili per i sistemi RFID delle biblioteche pubbliche e per i sistemi RFID per skipass nelle carte / biglietti RFID.

I tag ISO / IEC 14443A hanno uno scopo di utilizzo diverso, ovvero transazioni finanziarie, e hanno una distanza di lettura più breve di circa pochi pollici. Questo protegge l'intercettazione dei dati inviati dal tag al lettore. Questi standard internazionali definiscono i protocolli per comunicare con le carte di prossimità.

Questi includono il sistema di biglietteria elettronica Calypso, passaporti biometrici e MIFARE carte. Lo standard ISO / IEC 14443 comprende quattro parti. Ogni parte descrive una caratteristica diversa della tessera di prossimità e il suo utilizzo. I quattro elementi sono;

Parte 1: descrive le caratteristiche fisiche.

Parte 2: tratta l'interfaccia del segnale e la potenza a radiofrequenza

Parte 3: specifica i protocolli di anticollisione e inizializzazione

Parte 4: comprende il protocollo di trasmissione

Questo standard ha due tipi di carte. Sono di tipo A e di tipo B. Entrambi i tipi utilizzano la stessa frequenza portante ma differiscono nei loro schemi di modulazione e codifica.

Articoli pertinenti

0 Commento
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x