In che modo il produttore di vino impedisce ai contraffattori di crescere?

in News RFID on . 0 Comments

La contraffazione è un problema globale ed è stata per molti anni; soprattutto nell'industria del vino. Ma i progressi della tecnologia hanno dato ai contraffattori la capacità di produrre merci contraffatte sempre più convincenti.


L'industria vinicola australiana, tra l'altro, è vittima di merci contraffatte, in particolare con il crescente mercato asiatico dei prodotti australiani di alta gamma. Questi prodotti contraffatti competono con gli esportatori australiani per lo spazio sugli scaffali dei negozi all'estero e in molti casi stanno addirittura superando il vero affare. L'Australia è il secondo maggiore esportatore in Cina e in crescita. Tuttavia, il CTV cinese ha riferito che il 50% del vino venduto in Cina potrebbe essere falso; alcuni sostengono che potrebbe essere fino al 90% per marchi di alto profilo, come Penfolds Grange.


Il vino contraffatto non solo fa male ai profitti, ma può anche danneggiare in modo duraturo un marchio e mettere in pericolo i consumatori - soprattutto perché non possiamo essere sicuri di cosa ci sia dentro le false bottiglie.


Un buon marchio da solo non è abbastanza. Dopo tutto, molti consumatori cinesi non sanno cosa cercare sulle etichette, specialmente quando il nome e il logo sono alterati per assomigliare all'originale. Se il consumatore non è in grado di leggere il francese o l'inglese, può essere difficile per gli acquirenti ignari di discernere ciò che è reale e ciò che è falso.


Un metodo utilizzato dai contraffattori è quello di acquistare bottiglie di vino vuote e semplicemente riempirle con grog economico. Di conseguenza, ristoranti di fascia alta, hotel, collezionisti e case d'asta hanno ora preso a spaccare bottiglie vuote per evitare il loro indesiderato rientro nel mercato. Ma per fermare quei contraffattori che usano una tecnologia altamente avanzata per "rubare" un marchio, questo non è ancora abbastanza.


La buona notizia è che i produttori di vino possono utilizzare gli stessi progressi tecnologici che hanno portato a un aumento della contraffazione per contrastare i criminali. Incorporando una tecnologia migliore per l'identificazione, l'autenticazione e il monitoraggio dei vini, i produttori possono rendere più difficile l'ingresso nella catena di approvvigionamento dei contraffattori. Si prevede infatti che il mercato globale degli imballaggi anti-contraffazione di alimenti e bevande raggiungerà 62,5 miliardi di dollari a livello globale entro il 2020.


Attualmente, la stratificazione di diverse soluzioni anti-contraffazione rappresenta l'approccio migliore in termini di protezione. Idealmente, questo dovrebbe integrare tre tattiche:


Autenticazione


Questo comprende tutte le tecniche che confermano che la bottiglia è autentica. Poiché le tecnologie di autenticazione convenzionali sono le più facili da applicare e più convenienti, sono il metodo anti-contraffazione più popolare. È possibile generare codici univoci per autenticare il prodotto.


Alcuni viticoltori scelgono di utilizzare inchiostri UV per stampare codici anti-contraffazione sugli articoli; questi sono rilevabili solo se letti con determinate tecnologie di scansione. Lo svantaggio di questo metodo è che i consumatori non sono in grado di riconoscere gli inchiostri UV per autenticare il prodotto.


Il metodo più efficace e, quindi, più popolare per i vini è la codifica laser. I laser sono un modo estremamente rapido e conveniente per contrassegnare i codici permanenti di alta qualità sui prodotti. E poiché il laser può codificare su vetro e cartone, sono ideali per la marcatura di bottiglie di vino e cartoni. Allo stesso tempo, grazie al loro marchio di alta qualità, i laser sono l'ideale in un settore in cui la presentazione del prodotto è importante.


Traccia e traccia


Le soluzioni track-and-trace consentono di tracciare le bottiglie attraverso la catena di approvvigionamento, fino al consumatore. Il monitoraggio del prodotto abilitato per codici a barre aiuta a mantenere l'integrità della catena di fornitura. Le tecnologie di codifica e etichettatura lo rendono facile da implementare in una linea di produzione o confezionamento.


I produttori di vino di tutto il mondo stanno iniziando a utilizzare bottiglie che incorporano nuove etichette che consentono l'attivazione del sistema di tracciamento e la tracciabilità dei vini. Avendo un sistema di tracciamento su ogni cartone e bottiglia, i produttori sono in grado di garantire che i loro vini - non il codice QR contraffatto in che modo i produttori di vino possano battere i contraffattori - siano ciò che il consumatore sta acquistando.


Marketing


Sempre più spesso, i marketer aggiungono codici QR o altri codici analizzabili alle etichette dei vini che i consumatori possono scansionare con i loro smartphone per accedere a contenuti online interattivi (e affidabili). (Puoi trovare questo articolo sui codici QR interessante, e questo dovrebbe essere uno dei 5 codici che i produttori dovrebbero conoscere.) Prova a scansionare il codice dimostrativo QR sopra a destra.


Da soli, queste tattiche non sono sufficienti.


Combinando un numero di tecnologie di identificazione e ispezione sulla linea di produzione, possiamo ottenere un prodotto autenticato, tracciabile e rintracciabile fino al consumatore. Questa combinazione è nota come serializzazione. Con la serializzazione, ogni prodotto ha un codice univoco, che può essere scansionato da un consumatore per verificare l'autenticità del prodotto. Ciò consente anche un'opportunità di marketing diretto e, allo stesso tempo, i dati relativi al luogo di scansione del prodotto.

Last update: Jul 26, 2018

Comments

Leave a Comment

Leave a Reply