La House of Busby del Sud Africa taglia il lavoro sull'inventario via RFID

in News RFID on . 0 Comments

The House of Busby, un rivenditore in Sud Africa, ha implementato una soluzione basata su RFID in uno dei suoi negozi di Johannesburg per aumentare la visibilità del proprio inventario e ridurre la quantità di tempo che il personale ha speso in precedenza a contare le scorte. La soluzione, fornita da Milestone Integrated Systems, impiega la tecnologia RFID EPC ad altissima frequenza (UHF) di Keonn, inclusi i lettori e il software AdvanCloud, per gestire i dati letti raccolti. Il negozio che utilizza la tecnologia si trova nel centro commerciale Sandton City di Johannesburg.


Dal momento della distribuzione del sistema, la società riferisce di aver ridotto il numero di ore di manodopera necessarie per contare le scorte in un unico negozio completo da 120 ore lavorative a meno di 30 minuti. Il rivenditore sta inoltre utilizzando la tecnologia all'ingresso per rilevare se alcuni articoli lasciano il negozio senza essere acquistati. Poiché un lettore di lavagna luminosa può acquisire qualsiasi numero identificativo del tag da una distanza di alcuni metri, la porta può rimanere aperta, senza richiedere cancelli o altro hardware di ostruzione.


Milestone Integrated Systems, con sede a Johannesburg, fornisce una soluzione di gestione delle differenze inventariali ai rivenditori in tutto il Sudafrica, afferma Neels Lourens, amministratore delegato della società. La House of Busby, fondata nel 1986, funge sia da rivenditore che da grossista. Vende borse e valigie nei propri negozi, mentre fornisce anche la gestione del marchio di negozi per aziende come Guess, Aldo, Forever New, Karen Millen, Call it Spring e Kipling. L'installazione iniziale potrebbe portare a distribuzioni aggiuntive presso altri negozi di marca, secondo quanto riferito dalla società.


Dal momento che il sistema è stato acquisito dal vivo all'inizio di quest'anno, il negozio Sandton ha applicato tag RFID passivi UHF ai suoi circa 7.000 prodotti, tra cui abbigliamento, gioielli, orologi, borse, portafogli e occhiali da sole. I prodotti sono dotati di uno dei due tipi di etichette RFID UHF: etichette rigide e tag gioielli, entrambi forniti da Century RFID.


Quando le merci vengono ricevute e esposte in negozio, i dipendenti utilizzano un'unità RFID Keonn AdvanStation per codificare i tag di tali articoli. Il lettore da tavolo stand-alone viene fornito con uno scanner per codici a barre e un interrogatore RFID UHF integrato. Gli utenti possono semplicemente eseguire la scansione del codice a barre di un prodotto per acquisire la sua unità di conservazione delle scorte (SKU) e il lettore acquisisce il numero identificativo del tag rigido o del tag gioielli applicato a quell'elemento. Il codice a barre e il numero RFID sono quindi collegati nel software basato su cloud.


Quando un lavoratore esegue i conteggi delle scorte presso il negozio, utilizza un lettore palmare AdvanScan. Il dipendente apre semplicemente l'applicazione AdvanScan sul dispositivo, seleziona un prompt per creare un nuovo conteggio inventario e gira intorno alla stanza anteriore o posteriore del negozio, acquisendo letture ID tag mentre passa prodotti su scaffali o ganci. Il lettore inoltra quindi i dati raccolti al software basato su cloud tramite una connessione Wi-Fi o cellulare, creando così un conteggio aggiornato delle scorte.

Nel punto vendita, un lettore AdvanPay viene installato sotto il bancone. Quando un cliente acquista prodotti presso il negozio, un associato sposta il tag di ciascun prodotto sul lettore, che cattura l'ID univoco di ogni tag. Questi tag ID sono disattivati ​​nel software e i tag stessi, una volta rimossi dagli articoli, possono essere riutilizzati su altri prodotti.


All'uscita del negozio, Milestone ha installato un lettore di prevenzione della caduta dall'alto di AdvanSafe. Se una persona porta un prodotto attraverso la porta con un tag che non è stato disattivato, il lettore acquisirà il numero ID di quel tag. Il software AdvanCloud attiverà quindi un segnale acustico, inviando anche un messaggio di testo SMS per memorizzare i collaboratori, non solo indicando che qualcosa viene rimosso dal negozio, ma anche identificando il prodotto. Il sistema visualizza anche un'immagine di quell'elemento e il suo stato di inventario viene aggiornato per indicare che non è più disponibile.


Il guadagno più notevole del sistema dal momento che la tecnologia è stata presa dal vivo, riferisce Lourens, è stata una riduzione della manodopera per il conteggio delle scorte. "Prima dell'installazione RFID, un team di sei persone impiegava circa due giorni lavorativi per completare un inventario", afferma. "Ora, con l'RFID, ci vuole meno di mezz'ora per completare un inventario." Ciò equivale a una riduzione dei costi operativi, aggiunge Lourens, mentre la tecnologia garantisce anche la precisione dell'inventario in modo che i prodotti siano sullo scaffale in cui i clienti possono vederli. Ciò, sottolinea, si traduce in maggiori profitti per il negozio.


La House of Busby sta ora valutando l'idea di installare simili soluzioni RFID nei suoi negozi di altri marchi. La società afferma di gestire più di 150 negozi di questo tipo in tutto il Sudafrica, con oltre 50 punti vendita situati nei sette principali centri commerciali del paese.

Related Article

Comments

Leave a Comment

Leave a Reply