Il negozio di scarpe raddoppia le vendite tramite RFID

in News RFID on . 0 Comments

Sapati, un negozio di scarpe brasiliano situato nella città di Cascavel che gestisce una piattaforma di identificazione di frequenze radio per testare esperienze innovative per i clienti, sta completando il suo primo anno di attività e registra un aumento del 100% delle sue vendite. L'iniziativa è guidata da Vanderlei Kichel, CEO della società di pianificazione delle risorse aziendali (ERP) SetaDigital, focalizzata sul settore delle calzature.

Secondo Kichel, i consumatori godono dell'esperienza RFID, che semplifica le vendite e consente loro di effettuare un acquisto in meno di un minuto. "La tecnologia è fantastica", afferma Kichel, sottolineando che Sebrae di Paraná ha citato Sapati come caso d'uso.


Etichettare le scarpe è stata una delle maggiori sfide affrontate da Sapati, afferma Kichel. "Le fabbriche di calzature devono spedire le scarpe già con i cartellini attaccati, per abbreviare il lavoro che deve essere fatto nel punto vendita", spiega. "Inoltre, se i tag vengono messi sulle scarpe al momento della produzione, altri servizi possono essere aggregati durante il processo di movimentazione merci e l'RFID può anche essere impiegato contro i furti".

L'imprenditore afferma di essere in trattativa con le aziende del settore calzaturiero per implementare la tecnologia RFID nei punti vendita. "Ci sono alcune aziende che possono inserire etichette sui prodotti perché sono i loro stessi produttori e venditori", il che facilita il controllo dell'inventario dalla fabbrica, ad esempio, con i tag inseriti nel punto di produzione.


Secondo Kichel, alcuni clienti di Digital Arrow che visitano Sapati finiscono per conoscere la tecnologia e si interessano a parti della soluzione, come il controllo dell'inventario, e alla fine acquisiscono la tecnologia Sapati. "Le frazioni della soluzione con altre tecnologie, come la realtà aumentata, che vengono viste insieme all'RFID, attirano anche l'interesse dei clienti", afferma.


Un'altra tendenza al rialzo è la vendita al dettaglio omnicanale, che, secondo Kichel, si è trasformata in febbre. "Abbiamo circa 40 clienti che vendono nei negozi fisici insieme all'e-commerce e ai mercati elettronici", afferma. "Molte di queste aziende stanno cercando RFID per controllare l'inventario, perché è l'unica tecnologia che consente l'integrazione al 100% tra i canali."

Sapati è un laboratorio utilizzato per testare le nuove tecnologie create da SetaDigital prima che diventino disponibili sul mercato. Tutti gli utili delle vendite vengono reinvestiti nel progetto. Sapati allevia il problema dei clienti che non sanno quello che vogliono, dice Kichel, dal momento che non capiscono la tecnologia.


"Con il negozio", spiega Kichel, "siamo stati in grado di valutare il dolore del settore, sviluppare strumenti, testare e commercializzare una soluzione matura, pronta ad affrontare i colli di bottiglia". Aggiunge che l'azienda investe annualmente 1 milione di dollari in innovazione.

SetaDigital sta investendo 1,5 milioni di real brasiliani (462.000 dollari) per estendere il proprio servizio a paesi dell'America Latina come Perù, Cile, Messico e Argentina e, successivamente, agli Stati Uniti. In queste regioni, secondo Kichel, ci sono solo prodotti software generici che non servono l'industria end-to-end. Gli Stati Uniti, osserva, hanno il più alto consumo pro capite di calzature nel mondo.


Creato con la missione di sviluppare e fornire software e servizi per i rivenditori di calzature e di contribuire al successo dei propri clienti, SetaDigital è presente sul mercato da 10 anni. La compagnia serve più di 1.000 negozi in tutto il Brasile.

Last update: Dec 18, 2017

Related Article

Comments

Leave a Comment

Leave a Reply