PINC porta RFID, sensore ottico droni al chiuso con celle a combustibile

in News RFID on . 0 Comments

PINC, un'azienda di tecnologia del veicolo aereo senza equipaggio (UAV), ha iniziato alimentando i suoi droni con sistemi di celle a combustibile raffreddato ad aria forniti da energia intelligente come alternativa alle batterie, al fine di offrire soluzioni di peso ridotto, tempo maggiore di volo che hanno un impatto minore sull'ambiente. Le celle a combustibile vi aiuterà a consentire l'utilizzo di droni al chiuso per tenere traccia di inventario e altri dettagli sui prodotti in spazi ristretti di un magazzino.


Sin dal 2004, PINC offre soluzioni di cantiere-gestione e localizzazione in tempo reale. Nel 2014, l'azienda ha introdotto ciclo-contando droni (noto anche come antenna robot) che volano attraverso un'area, quale un veicolo o rimorchio iarda in impianti di produzione e distribuzione centri e utilizzano la tecnologia di identificazione radio frequenza di altissima frequenza (UHF) per acquisire tag letture e confermare la posizione di inventario basato su quelli legge. L'azienda fornisce un metodo automatico per raccogliere dati di inventario su base giornaliera. PINC spesso offre la soluzione con altra tecnologia pure, come la funzionalità ottica per catturare immagini o video delle condizioni dei veicoli, rimorchi e contenitori.


L'azienda stessa considerata uno strumento per la gestione del cantiere all'aperto solo, dice Matt Yearling, Presidente e CEO di PINC, ma i clienti avevano espresso un crescente bisogno di soluzioni presso le loro strutture. "Alcuni dei nostri clienti aveva detto che stavano avendo problemi [con gestione inventario] al chiuso," dice.

Questi clienti tendono ad essere grandi imprese con potenzialmente 1 milione piedi quadrati di spazio interno. Aziende trovano che la precisione dell'inventario al chiuso non era sempre così preciso come credevano che fosse. "Ci siamo guardati intorno," afferma. "Abbiamo pensato che i giocatori del sistema di gestione del magazzino sarebbero stato affrontare questi problemi." Tuttavia, egli dice, i clienti non ha trovato tale soluzione. PINC ora sta fornendo al chiuso pure, la sua soluzione con droni autonomi appositamente progettati per individuare e contare inventario per uso all'interno degli edifici.


Ma l'uso dei droni interni genera complessità, note Yearling. Devono essere in grado di operare autonomamente. Hanno bisogno di essere piccolo e agile abbastanza per navigare corridoi stretti senza richiedere la batteria si ricarica più volte prima di completare un controllo singolo inventario. Tuttavia, più piccoli droni con piccole cornici non possono trasportare le batterie come molti, perché uso interno richiede ulteriori requisiti informatici, consumano sempre più energia rispetto alle versioni all'aperto.


Per questo motivo, PINC ha lanciato la sua partnership con energia intelligente per costruire le celle a combustibile in suoi droni. Celle a combustibile abilitato i droni di operare significativamente più lungamente di quanto si farebbe con una batteria ricaricabile standard. Cosa c'è di più, dice Yearling, sono tranquillo e producono solo vapore acqueo come prodotto di scarto.


Celle a combustibile ossigeno si combinano con l'idrogeno per innescare una reazione chimica che crea energia, spiega Julian Hughes, senior VP di energia intelligente. Mentre una batteria immagazzina energia, la cella a combustibile produce una potenza fino a quando esaurisce la sua scorta di idrogeno, momento in cui deve essere rifornito. Il processo di rifornimento di carburante, Hughes dice, richiede in genere pochi minuti.


Energia intelligente ha ora sviluppato un sistema di celle a combustibile raffreddato ad aria per i droni.

PINC segnala che ha già otto piloti in corso che coinvolgono coperto droni volanti attraverso i centri di distribuzione — molti dei quali sono in fase di completamento, con distribuzioni permanente ora in fase di preparazione. Alcuni impiegano batterie, ma ora stanno testando l'uso delle celle a combustibile.


"Tutte le grandi aziende sono guardando tecnologia drone," Yearling dice, "e hanno più casi di utilizzo. Non è tutto sulla supply chain [Gestione inventario]." Dice che i rivenditori, produttori e fornitori di servizi logistici sono tutti almeno prova l'uso dei droni per catturare dati di inventario, cercare danni o modifiche di inventario ed effettuare altre attività, tutte con un singolo drone.


Nel caso di monitoraggio delle scorte di fuori di un magazzino, case automobilistiche e altre società stanno applicando tag RFID ai veicoli finiti. Come tale, droni possono catturare il numero ID di ciascun tag mentre vola sopra la testa durante un conteggio dell'inventario giornaliero.


Finora, Yearling dice, quasi tutti le soluzioni basate su drone all'aperto che offre PINC utilizzano tecnologia RFID e ottica per Ubicazione di magazzino e i conteggi, mentre tecnologia ottica è in uso al chiuso. Ottica consentono anche agli utenti di visualizzare veicoli finiti e tirare su immagini di interesse per vedere i risultati del lavoro di assemblaggio.


L'uso delle celle a combustibile, Hughes dice, può rendere regolare inventario tramite droni più realistico per grandi aziende che hanno bisogno della potenza per ogni volo che avrebbe mantenuto il drone in aria fino a quando il conteggio dell'intero inventario può essere completato. "Penso che aiuta a consentire l'utilizzo di droni in DCs e magazzini, dove l'inventario deve essere ispezionato ogni giorno una o due volte al giorno," afferma. "Il tempo di volo supplementari sul drone farà risparmiare una quantità enorme nell'inventario perso. Stiamo parlando di un numero di industrie dove il tempo di volo esteso è importante."

Last update: May 17, 2017

Related Article

Comments

Leave a Comment

Leave a Reply