Il video è una minaccia per l'RFID?

in News RFID on . 0 Comments


Il 21 gennaio, The New York Times ha pubblicato un articolo intitolato "Inside Amazon Go, a Store of the Future". Il minimarket da 1.800 piedi quadrati è ora aperto al pubblico (in precedenza era aperto solo ai dipendenti di Amazon). Il giornalista del Times ha scritto: "Ogni volta che i clienti prelevano un articolo da uno scaffale, Amazon dice che il prodotto viene automaticamente inserito nel carrello del proprio account online." Se i clienti lo ripongono sullo scaffale, Amazon lo rimuove dal proprio carrello virtuale. "

Com'è possibile? L'articolo ha continuato a spiegare: "L'unico segno della tecnologia che rende questo possibile galleggiare sopra gli scaffali dei negozi - matrici di piccole telecamere, centinaia di loro in tutto il negozio - Amazon non dirà molto su come funziona il sistema, a parte che implica una sofisticata visione artificiale e un software di apprendimento automatico. La tecnologia di Amazon può vedere e identificare ogni articolo nel negozio, senza collegare un chip speciale a ogni lattina di zuppa e sacchetto di mix di tracce. "


Il sistema sembra essere collegato a Bluetooth sul telefono di un acquirente. Un cliente effettua il check-in nel negozio utilizzando un'app speciale Amazon Go. L'unico modo per aggiungere elementi digitali al carrello della spesa consiste nell'utilizzare la tecnologia di localizzazione per collegare ciò che il cliente ha raccolto (e ciò che viene riconosciuto dalle telecamere in testa) con la persona in piedi davanti allo scaffale.

Questo è certamente un grande risultato di Amazon e qualcosa che potrebbe rivelarsi rivoluzionario nel retail. Ma non penso che la tecnologia sostituirà mai l'RFID nella vendita al dettaglio. Piuttosto, i due saranno complementari.


Ci sono molte domande sul sistema Amazon Go a cui semplicemente non conosciamo la risposta. Ad esempio, quanto costa la tecnologia video? Guarda la foto nell'articolo del Times. C'è un sacco di hardware nel soffitto. Suppongo che col tempo la tecnologia migliorerà e saranno necessarie meno telecamere, ma qual è il costo?


Inoltre, non sappiamo quanto sia difficile configurare il sistema in ogni nuovo negozio. Riuscirai semplicemente a gettare le telecamere nel soffitto e fare in modo che confrontino ciò che vedono con le foto caricate sui loro banchi di memoria? O ci vuole tempo per "insegnare" al sistema di apprendimento automatico quali sono i prodotti e come gestire il caos che si verifica spesso nei negozi? Questo è particolarmente un problema in giro per le festività natalizie, quando i consumatori fanno casino sugli scaffali.


Un'altra domanda che ho riguarda la risoluzione delle telecamere. Cosa succede, ad esempio, se qualcuno preleva un prodotto che sembra molto simile a un altro, ma uno è povero di sodio e l'altro no? Le telecamere possono distinguere tra i due? Cosa succede se il consumatore mette giù il prodotto a basso contenuto di sodio nell'area in cui sono memorizzati i prodotti normali? Il sistema avviserà il personale che si trova nel posto sbagliato? Il sistema saprà quando qualcuno acquisterà il prodotto a basso contenuto di sodio, anche se è stato collocato nella stessa area della versione normale? In caso contrario, il sistema non aiuterà con la gestione dell'inventario.

Ho alcune altre domande sul sistema. Quanto bene può determinare il numero di articoli su uno scaffale? Dovrebbe essere in grado di avvisare il personale quando uno scaffale è vuoto, ma può avvisarlo di rifornirsi quando rimangono solo tre elementi, in modo che gli scaffali non saranno mai esauriti?


Da tempo credevo che il video sarebbe stato utilizzato per identificare banane, cocomeri e altri prodotti a basso prezzo che non possono essere facilmente etichettati con RFID o sono troppo economici per giustificare un tag. Penso che l'RFID possa essere utilizzato su casi di beni a basso costo e video sulle singole unità. Ma il video ha grandi limiti. Non si può dire che ci sono solo 23 maglioni all'interno di una scatola che arriva in un negozio, e non 24. Il video non può dirti che un muro di jeans manca jeans con una vita da 32 pollici e una cuccia da 30 pollici . Non si può dire che non ci sono mezzi sul rounder con camicie rosa, o che una certa misura di pneumatici per auto non è disponibile sullo scaffale.


Questi elementi sono troppo simili per distinguere dal video. Dal momento che ha senso etichettare questi beni alla fonte e seguirli lungo la catena di approvvigionamento, sarà molto più facile inserire etichette nelle etichette al punto di produzione e posizionare i lettori alle porte dei dock piuttosto che posizionare le videocamere attorno a tutti gli scaffali in tutto un magazzino.


Tuttavia, il sistema Amazon Go rappresenta un importante passo avanti nella vendita al dettaglio, poiché i clienti non devono attendere online. È fantastico, e penso che potrebbe funzionare bene nei supermercati e nei negozi di alimentari, dove il valore degli articoli è economico e la confezione del prodotto è chiaramente differenziata. Il suo negozio unico può far ripartire l'innovazione nel retail e finalmente convincere i retailer a pensare al vero problema con la vendita al dettaglio: cioè che gli acquirenti non trovano quello che stanno cercando e, quando lo fanno, devono aspettare su una linea per pagarlo.

Last update: Feb 06, 2018

Related Article

Comments

Leave a Comment

Leave a Reply