Foodles porta grandi quantità di opzioni di ristorazione abilitate per l'RFID a Parigi

in News RFID on . 0 Comments

Quando i lavoratori di alcune aziende della zona parigina fanno le pause per il pranzo o la cena, accedono a un distributore automatico con pasti freschi, come il tagine di pollo o il sauté di maiale in spezie. La soluzione gastronomica, fornita dalla startup tecnologica Foodles, consente loro di pagare un pasto con un tag Near Field Communication (NFC), mentre la selezione di cibo per scopi di fatturazione e di inventario viene raccolta tramite la tecnologia RFID a frequenza ultraelevata (UHF). Il risultato è un sistema che fornisce cibo fresco senza il costo della preparazione o del personale del punto vendita. Le unità vending-machine consentono alle aziende di offrire ai propri dipendenti i tipi di pasti che le grandi aziende vendono nelle mense del campus come alternativa all'andare fuori sede ai ristoranti.


L'azienda tecnologica con sede a Parigi è stata lanciata nel 2014 con l'obiettivo di fornire distributori automatici di snack per aziende di medie dimensioni. Tuttavia, presto ha riorientato i suoi sforzi sui pasti completi che potrebbero essere preparati dai ristoranti o dai ristoratori locali, quindi sarà rifornito giornalmente nei frigoriferi della cucina di un'azienda. Le microonde incorporate nella stessa unità riscalderebbero quindi quegli articoli.


Per fornire tali pasti e fatturarli al dipendente appropriato, è necessaria l'intelligenza tecnologica, spiega Paul Tsnobiladzé, CTO dell'azienda. L'azienda ha studiato le opzioni e ha scoperto che l'unica tecnologia esistente che sarebbe servita al loro caso d'uso era una bilancia in grado di pesare gli oggetti così come erano memorizzati su uno scaffale. Se qualcuno dovesse identificarsi con un badge identificativo, e quindi rimuovere una piastra o un pacco di cibo dallo scaffale, la bilancia rileverà il cambiamento di peso e fatturerà quell'individuo di conseguenza.


Tuttavia, la società ha respinto questa soluzione per diverse ragioni, afferma Tsnobiladzé. Per prima cosa, il sistema dovrebbe essere ricalibrato ogni giorno se le offerte di cibo sono cambiate, poiché ogni articolo ha un peso diverso (ad esempio, un'insalata non avrebbe lo stesso peso di un antipasto di carne). Inoltre, la società desiderava la visibilità di ogni singolo articolo in modo che potesse sapere, ad esempio, quando ogni prodotto è stato collocato nel distributore automatico e, quindi, quando doveva essere rimosso prima che potesse scadere.


Questo, dice Tsnobiladzé, ha portato il team a indagare sull'RFID. "Abbiamo iniziato a lavorarci nel 2015", ricorda, e ha creato un prototipo, con un lettore RFID UHF standard incorporato nel dispositivo e antenne su ogni scaffale, nel giro di pochi mesi. Dopo aver verificato che il sistema funzionava in modo affidabile, la società ha iniziato a vendere la soluzione ad altre aziende. Ad oggi, otto imprese nell'area parigina utilizzano complessivamente 16 unità per i loro dipendenti.


Ecco come funziona il sistema: Foodles raccoglie pasti per ogni cliente su base giornaliera da fornitori di catering e ristoranti. I menu cambiano ogni settimana e l'azienda può richiedere pasti specifici. Foodles offre di tutto, dall'insalata di quinoa alle lasagne di manzo. Tutti gli articoli che richiedono una cottura sono precotti e refrigerati, in modo che tutti gli alimenti possano essere conservati nell'unità di refrigerazione.


Prima di consegnare il cibo a un determinato cliente, lo staff di Foodles allega tag RFID UHF in posizioni specifiche sui prodotti (ogni articolo richiede che il tag venga apposto in un punto diverso, al fine di garantire la migliore precisione di trasmissione). Tsnobiladzé rifiuta di nominare i tag specifici utilizzati; tuttavia, afferma, l'azienda ha dedicato molto tempo a testare tag (intarsi e incapsulamenti), al fine di determinare quello che avrebbe funzionato meglio, insieme alla posizione corretta per ogni tipo di cibo. Alti livelli di liquidi, così come la necessità di alcuni oggetti da imballare a stretto contatto, rendono difficile leggere i tag RFID, spiega.


Il numero identificativo univoco codificato su ogni tag è collegato ai dettagli su quell'elemento nel software di Foodles, incluso il tipo di piatto, dove è stato preparato e quando scadrà. Le merci vengono quindi stoccate in ogni unità presso i siti dei clienti, mentre gli articoli scaduti vengono rimossi. Ogni unità può ospitare circa 200 prodotti.


Quando un dipendente prende una pausa pranzo, tocca un ID card abilitato per NFC a 13,56 MHz nel lettore NFC incorporato nella parte anteriore dell'unità di refrigerazione. L'ID di ciascun lavoratore è collegato al suo account prepagato ed è gestito sul server di Foodles. Una volta che il lettore acquisisce il numero ID del dipendente e inoltra tali informazioni al server, l'ID viene autenticato e la porta dell'unità si sblocca automaticamente.

Last update: Dec 29, 2017

Related Article

Comments

Leave a Comment

Leave a Reply