Il 60% del PIL indiano arriverà da AI e altri servizi digitali entro il 2021

in News RFID, RFID Journal on . 0 Comments

"L'India è chiaramente sulla via della trasformazione digitale", afferma Anant Maheshwari, presidente di Microsoft India


Entro il 2021, si stima che circa il 60% del prodotto interno lordo (PIL) del paese derivi da prodotti e servizi digitali. Creato attraverso l'uso di tecnologie come l'Intelligenza Artificiale (AI), l'Internet of Things e il cloud computing, tra gli altri.


Così dice uno studio commissionato dall'informatica maggiore di Microsoft. Dice che la trasformazione digitale aggiungerà circa $ 154 miliardi al nostro PIL entro il 2021. "L'India è chiaramente sulla via della trasformazione digitale", afferma Anant Maheshwari, presidente di Microsoft India.


Le organizzazioni, ha detto, stanno implementando sempre più tecnologie emergenti come l'intelligenza artificiale e accelereranno ulteriormente questa crescita guidata dal cambiamento, con l'applicazione di questo in settori come l'istruzione, l'assistenza sanitaria e l'agricoltura. "(Tali) Le tecnologie possono davvero risolvere alcuni problemi fondamentali e, se applicate nel modo giusto, potrebbero sbloccare un sacco di potenziale", ha detto Maheshwari a Business Standard.


La presa, dice, è la necessità di un quadro di supporto che permetta un uso libero ed equo di tale tecnologia.


Per illustrare, ha detto che Microsoft aveva applicato l'intelligenza artificiale nelle scuole dell'Andhra Pradesh, dove il governo vuole affrontare il problema dell'elevato numero di studenti che escono nella classe 10. "Circa il 25% degli studenti abbandona il decimo livello. per prevedere e identificare il motivo per cui gli studenti vogliono abbandonare la scuola, è possibile attivarsi attivamente con gli studenti o le loro famiglie per tenerli a scuola ... si può fare così tanto per l'economia ", ha detto.


Allo stesso modo in assistenza sanitaria. "La tecnologia può svolgere un ruolo nel fornire servizi come assistenza sanitaria preventiva e diagnosi avanzata ai bisognosi, poi c'è l'agricoltura, dove la produttività può essere aumentata del 20-30% semplicemente usando la tecnologia predittiva".


Il governo centrale ha formato un comitato sull'intelligenza artificiale per suggerire un quadro tecnico o una piattaforma per la tecnologia emergente. È presieduto da P P Chakraborty, professore all'IIT di Kharagpur, e ha rappresentanti di Google, Microsoft, NVIDIA e TCS. Inoltre, da Nasscom, l'associazione apicale del settore della tecnologia dell'informazione (IT), accanto al National Informatics Center e al ministero dell'elettronica e dell'informatica. Le sue raccomandazioni sono previste entro la fine di questo mese.

Last update: Apr 16, 2018

Comments

Leave a Comment

Leave a Reply